La favola del tanuki della Kachi Kachi

Potrebbero interessarti anche...

26 Risposte

  1. Andrea ha detto:

    Premesso che anch’io la penso allo stesso modo su Biancaneve 😂. A guardare le figure dei due personaggi, non avrei mai detto che ci fosse dietro una leggenda con degli scenari così macabri…sembrano così simpatici

  2. Marika ha detto:

    Sempre molto leggere le tue storie, però mi divertono un sacco 🤩

  3. lucapery ha detto:

    Il fatto di parlare al coniglio no ti fa credere che dentro alla zuppa non ci fosse qualche sostanza allucinogena oltre che alla moglie? 😁

  4. oltreleparole ha detto:

    Una favola di cui non avevo mai sentito parlare. Che le nostre fiabe siano strane e poco logiche lo avevo notato, ma quelle giapponesi hanno veramente un retrogusto altamente macabro! Una sorpresa per me! Il Giappone mi affascina tantissimo ma mi rendo conto sempre più di saperne veramente poco sul suo conto.

  5. Carina questa favola giapponese, trovo sia simile ad altre ma in versione più macabra.

  6. Che carina questa favola giapponese, proprio non la conoscevo! Grazie per avermela fatta scoprire!

  7. Giorgia Garino ha detto:

    Provo le tue stesse sensazioni quando penso al Giappone…e vorrei tornarci…(il procionicidio come termine, lo voglio usare nella vita quotidiana 😀 )

  8. Certo che i giappi non sono mica normali! Dal coniglio vendicatore ti aspetti una genialata come minimo non un’ingloriosa barca di fango. Una vendetta da Oscar! E del buon uomo che ha mangiato la moglie in polpette cosa ne è stato? 😛
    Continuo a desiderare la vostra enciclopedia di viaggio segreta 😉

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Nessun macchinario complesso che dopo una serie a domino di eventi che sfruttano le leggi fisiche, infligge il colpo di grazia alla vittima! Una semplicissima barca di fango che … non sospetteresti mai si possa sciogliere se è il tuo nuovo amico coniglietto bianco a proporlo 😀

  9. vagabondele ha detto:

    Alla tua domanda finale ancor prima di terminare di leggere già rispondevo il Signore degli anelli, perché quella è da sempre la mia favola della buona notte.. questi due personaggini sono carini, sembrano coccolosi e poi.. tac ecco il lato oscuro! Mi piace, sì mi piace!

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Alla faccia della favola …. quella è una vera e propria epopea della buona notte!! 😀 Se proviamo ad addormentarci guardando il film, siamo sicuri che poi ci svegliamo con la voglia di andare in Nuova Zelanda dove lo hanno girato 🙂

  10. iltuopostonelmondo ha detto:

    E’ vero, mi sono divertita! Se uno si sofferma a pensare alle storielle effettivamente si creano dei micro-traumi in ogni bambino.
    A me non hanno mai raccontato storielle per prendere sonno, ma ricordo che la storia di Hansel e Gretel mi veniva narrata spesso (questo spiega come sono oggi! ahahah).
    Un bacione Lemuri :*

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Le trame di certe favole sono proprio brutali. Forse la valenza istruttiva tramite la loro morale si imprimeva maggiormente se il bambino era spaventato da certi mostri o da certe conseguenze … come facevi notare, dei veri e propri micro traumi! Insomma, l’ideale proprio prima di prendere sonno 😀
      Indubbiamente anche noi abbiamo avuto i nostri hahahah
      Un bacione anche a te :*

  11. Rivogliolabarbie ha detto:

    I giapponesi hanno uno strano gusto in fatto di fiabe!
    Quanto al parlare con il coniglio, beh, quello accade anche nelle fiabe più tradizionali, anche se da oggi guarderò i conigli in modo diverso!

  12. Silvia-Flavorsuitcase.com ha detto:

    Una storia davvero particolare 😄 la cultura giapponese l’ho sempre trovata affascinante. Grazie alle vostre foto e al racconto di questa favola, per un attimo mi è sembrato di essere lì con voi. Un articolo degno di nota 🙂

  13. alessiaborghi ha detto:

    Adoro i giapponesi e tutto quello che fanno! e come lo fanno e come si inventano le cose! Popolo alquanto strano ma che mi attrae tantissimo! Mio figlio (16 anni) parla bene il giapponese perchè il suo sogno è quello di finire qui le scuole e poi trasferirsi… Mi sa che presto andrò in questa strana realtà! E’ vero che il Giappone o lo ami o lo odi…non ci sono vie di mezzo?

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Come cultura è molto bella , ma in cui non è facile inserirsi. Anche noi ne siamo molto attratti , non da trasferirci, ma da tornarci periodicamente. Non a caso ci piace scrivere tanto sul Giappone! 🙂 A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* GDPR

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: