Aperitivi Crepuscolari

Potrebbero interessarti anche...

14 Risposte

  1. ChiaraPaglio ha detto:

    Mi piacciono molto i cimiteri monumentali, anche quello di Bologna è molto bello, ma ho il sospetto che quello di Milano sia meglio. Gli dobbiamo proprio dedicare una visita. Cavolo, non sapevo ci fossero sepolte tutte quelle celebrità 😀

  2. Macchebellitinerario! 😀
    Non ci posso credere “l’ultimo aperitivo della Milano da bere” è fantastico! Come concept, non come realizzazione: la trovo di dubbio gusto. Ci avrei visto di più il calice con Dita von Teese, tanto per rimanere in tema RedPassion 😛
    Comunque vale sempre la pena entrare in un cimitero monumentale. Da vivi.
    Nella sepoltura di Ambrogio Fogar c’era anche il suo fedele Armaduk?
    Prosit!

    • Lemurinviaggio ha detto:

      “Ditona sarebbe riuscita ad essere crepuscolare alla grande! 😉 ” , dice Lemu Rino.
      Sulla fine di Armaduk non avevamo pensato! Ci hai indotti a ricercare online , e piangere la sua morte (avvenuta nel 1993 a 17 anni)…. fedele compagno di avventure, e chissà se in mezzo ai ghiacci del Polo, per Ambrogio Fogar, anche di aperitivi! 🙂
      Prooooosit Orsa! 😀

  3. robisceri ha detto:

    Ahaha! L’ultima frase è stupenda 😂 Comunque bello! Anche a me sono sempre piaciuti i cimiteri (alcuni cimiteri), come quello acattolico di Roma per esempio. Hanno un che di romantico e ti riportano al senso della vita

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Quello di Milano, possiede una sezione acattolica ed una israelita, che non siamo riusciti a visitare perchè l’estensione è veramente enorme.
      Siamo sicuri che quella pace e romanticità, in una bella giornata, siano facilmente evocabili, perchè oltre ad essere tenuto molto bene, pare venne concepito proprio con l’intento di rappresentare un mix tra cimitero e parco, per cui ti ritrovi a passeggiare in mezzo a piccole (e grandi) opere d’arte scultorea.

  4. iltuopostonelmondo ha detto:

    Confermo: mi hai fuorviato con il titolo.
    L’edicola in marmo mi affascina tantissimo, se ricapito a Milano, tappa sicura! (pensi che il problema del parcheggio ci sia anche il giorno dei non-morti?).
    Ah! Tra le due opzioni che mi hai proposto, accetto la seconda, grazie!

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Nel giorno dei non-morti non so se ci vorremmo trovare lì, in teoria sarebbe il giorno dell’apocalisse in cui resusciterebbero tutti, no ? 😀
      … a pensarci meglio magari sì, con l’intento di intervistare qualche personaggio celebre del passato intento acciaccatissimo a rianimarsi! 😀
      Scherzi a parte, i posti auto sono veramente contatissimi, motivo per cui di base consiglieremmo la metropolitana che ferma proprio di fronte; però è probabile che visitandolo in momenti non affollati, (anche come orario), la si spunti.
      In estate poi, quando in città non c’è più nessuno, la cosa non dovrebbe presentare problemi in tal senso, ed offrire oltre che parcheggi, anche il meteo ideale per stare all’aria aperta.

  5. Bellissimo il Monumentale di Milano! Uno dei miei edifici preferiti in tutta la città, trovo che sia davvero bellissimo. E io direi che è mille volte meglio doverci arrivare in metropolitana perché non si trova parcheggio: adesso è veramente bello, prima era un vero sfacelo con quel parcheggio bruttissimo davanti! Molto meglio così 🙂

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Con il nuovo spiazzone davanti rifatto bene, ha finalmente l’aria di quel che è, ovvero un monumento! 🙂
      Di come era una volta abbiamo visto qualche foto, e l’incuria esterna immediatamente antistante alla elegante facciata del Famedio, strideva notevolmente.
      Ci è capitato anche in altre parti del mondo di visitare alcuni luoghi dal valore storico e artistico, deturpati da poca manutenzione se non addirittura aggrediti dal degrado. Pensiamo che ciò che è patrimonio storico e culturale, per quanto possibile, vada protetto. Non è un po’ squallido ad esempio vedere resti archeologici attorniati da parcheggi selvaggi e sporcizia varia ? A noi piange un pochino il cuore, pensando se avessero parola a quante ne hanno viste e quante ce ne racconterebbero, e a che miglior cura meriterebbero.
      Il monumentale comunque è salvo, speriamo che si adoperino a riqualificare anche tante altre opere, il cui valore e bellezza in seguito accrescerebbero.

  6. Roberta ha detto:

    Io ho un debole per i cimiteri monumentali (lo so può sembrare tetra come cosa). Non conoscevo questo di Milano ma, la prossima volta che capito in città, lo voglio visitare!

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Dipende molto dall’approccio. Personalmente ci infondono un senso di pace ed introspezione, curiosità per il passato, e ci portano a rimettere un pochino in prospettiva la vita, ed il periodo che ci è concesso su questa terra.

      Se ti può interessare, abbiamo fatto un articolo su quello molto famoso di Washington, che rispetto al Monumentale di Milano ha meno arte, ma possiede tanta storia e riesce anch’esso ad emozionare.

  1. maggio 23, 2017

    […] la volta buona. Non avviene, come preventivammo, in un nebbioso primo novembre, bensì in occasione di uno scherzoso primo di […]

  2. luglio 26, 2017

    […] poetica di quel luogo. Ciottolati curati si alternano a viali più trascurati (a differenza del cimitero monumentale di Milano che mostra pochi loculi in abbandono). I camminamenti serpeggiano lungo saliscendi e attraverso […]

Che ne pensi ?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: