In Nomine Itineris: Assoluzione del Compromesso 

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. Per me il cibo locale è una componente essenziale del viaggio, anche se cedo spesso alla tentazione del fast food…perché a me piace davvero!!!
    Anche se la maggior parte delle volte in viaggio, ci entro perché effettivamente mi salva in alcune situazioni.
    E poi, in altri casi, sono riuscita anche a trasformarli in attrazione, come quando ho mangiato il McRaclette in Svizzera o quando ho cenato nel McDonald’s più a nord del mondo a Rovaniemi.
    Ficoh, eh?! 😉

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Questo è unire utile e dilettevole! 🙂 Certe catene all’estero differiscono per offerta, e può essere l’occasione per provare qualcosa che comunque da noi non ci sarebbe!
      Guardando nella mappa dove si trova Rovaniemi non avremmo mai pensato che vi si potesse trovare un McDonald’s! 😀

  2. Rivogliolabarbie ha detto:

    Il mitico fast food, quello che placa la fame del “siamo appena arrivati e sono con un caffè e una brioche da questa mattina”. Ovviamente si preferisce il cibo tradizionale ma come hai ben sottolineato, talvolta non è possibile. E vogliamo parlare della connessione wi-fi gratuita quando non hai un piano estero conveniente ? 😜

    • Lemurinviaggio ha detto:

      A pensare al codice wi-fi, ci viene in mente il codice toilette! In fase di piccola emergenza ci è capitato di fermarci al fastfood per utilizzare il bagno (a combinazione numerica).
      In aeroporto ci abbiamo pure dormicchiato 🙂
      (non in bagno eh)

  3. Tiziana Bianco ha detto:

    Quando saremo “figli di Berlusconi” allora sì che avremo l’alternativa a supermercati e fast food. Per quello che mi riguarda devo dire grazie se posso concedermi un viaggio. C’è chi non può. Perciò pazienza se non a volte non ci si può concedere piatti locali nei “migliori locali” del luogo.

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Quando la coperta è troppo corta, tira di qua e tira di là, qualche cosa rimane fuori. Poter scegliere che cosa, permette di potersi fare ugualmente un bel viaggetto ed una bella esperienza. Secondo noi l’importante è spendere bene quel che si ha: orientando le proprie possibilità economiche e di tempo, su ciò che interessa prioritariamente.

  4. Sottoscrivo tutto! Io poi in merito sono talmente ignorante che vengo a saperlo solo una volta a casa che ho mangiato in una catena 😛 (laddove non appaia la sacra M)
    E comunque sono talmente disperata che neanche “dentro di me” dispongo di una suite! 😉

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Anche a noi è capitato di scoprire a posteriori che il posto in cui avevamo cenato era una catena, soprattutto le steak house .
      Ci sono poi delle volte in cui proviamo intenzionalmente catene che si trovano lì e da noi non ci sono.
      Non hai la suite interiooooore ?:D Costruiscila, che oramai è l’unico posto rimasto dove non si paga la tassa di soggiorno! 😀

  5. Ahahah quanto avete ragione, anche io di solito cerco di mangiare qualcosa di tipico anche perché quando sono in viaggio mi piace davvero tanto assaggiare la cucina del posto (ed è effettivamente secondo me una parte fondalmentale del viaggio). Però spesso bisogna appunto fare compromessi con costi e tempi e quindi il fast food ci salva e spesso non è nemmeno così male 😀 oppure bisogna accontentarsi per quanto riguarda i pernottamenti. Ho dormito in alcuni ostelli che “chiudiamo un occhio, e chiudiamo anche l’altro” così evito di vedere cosa mi circonda XD però il luogo visitato mi ha sempre ricompensata di tutto!!

    • Lemurinviaggio ha detto:

      Se succede che per rientrare nel budget, si punta su scelte di pernottamento un pochino più al risparmio del solito, il pregustare ciò che ci aspetterà, contribuisce a vivere con la giusta attitudine tale compromesso, e come dici tu, in casi limite, perfino nel chiudere occhi, naso e orecchi! 🙂
      E’ bellissimo poi venire ricompensati dalle bellezze del luogo!! Significa che ne è valsa sicuramente la pena.:D

  1. febbraio 28, 2017

    […] tendenza è quella del risparmio. Ovviamente non significa tirare la cinghia in modo da snaturare il piacere di provare le cose, […]

  2. maggio 21, 2017

    […] tendenza è quella del risparmio. Ovviamente non significa tirare la cinghia in modo da snaturare il piacere di provare le cose, […]

Che ne pensi ?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: