MacBeth in 7 statue al castello di Glamis

Potrebbero interessarti anche...

9 Risposte

  1. Annalisa ha detto:

    Mamma mia, che tragedia!!! 😂😂😂 però deve essere molto interessante fare il percorso guidato, anche se non credo che mia figlia abbia un tale livello di attenzione 🤦🏻‍♀️

  2. Cla ha detto:

    Non sapevo dell’esistenza di questo posto, ma le statue sono molto belle e la storia molto affascinante!

  3. Julia ha detto:

    La mucca incontrata sul finale mi ha fatto davvero sorridere, Non so perché forse avrai immaginato più una pecora con il musetto nero. Questo castello molto bello da visitare, non conoscevo così nei dettagli la storia

  4. Katja ha detto:

    Ma posso dire che quelle statue in legno che animano il pineto fanno un pò impressione? Nonostante questo, hai raccontato benissimo la storia e il luogo: non oso immaginare un’ambientazione migliore!

  5. Credo che se i ragazzi delle superiori studiassero Macbeth con queste statue, sarebbero molto più interessati alla famosissima tragedia Shakesperiana!

  6. anna di ha detto:

    Che posto incredibile, non sapevo esistesse un posto del genere. Davvero intelligente, scoprire la storia triste di lady Macbeth attraverso le statue e lungo un percorso. Potrebbe essere una bella idea da copiare per altre opere o poesie.

  7. Giovy Malfiori ha detto:

    Macbeth è la mia tragedia di Shakespeare preferita e sono stata in cerca di tutta la storia raccontata in uno dei miei primi viaggi in Scozia. Quella vicenda è ancora così potente che, solitamente, nessuno in Gran Bretagna nomina il titolo della tragedia vicino a un teatro. La chiamano solamente “The Scottish Play”. Io la adoro.

  8. Sara Chandana ha detto:

    Sono cresciuta a pane, cioccolata e – tra varie cose – Shakespeare perché mia zia è appassionata delle sue opere. Chissà se conosce questo posto, le giro l’articolo.

  9. Raffi ha detto:

    Bellissimo viaggio nella natura di un parco scozzese e nella letteratura shakespeariana. Avrei adorato farlo anch’io. Mi limito a viverlo attraverso il tuo racconto che è comunque “tanta roba”. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* GDPR

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: